Aumentare le conversioni con l’email marketing? È possibile!

Generare entrate tramite l’ email marketing richiede una strategia. Non si tratta di raggruppare, sabbiare o promuovere il maggior numero di prodotti che puoi stipare in un’unica e-mail.

Una volta perfezionata la tua strategia di e-mail marketing, le conversioni aumenteranno. Sfortunatamente, è un po’ più complesso dell’invio di e-mail a una specifica ora del giorno.

Quanto è importante l’email marketing per l’e-commerce?

L’email è morta, ritorna, si è evoluta, è morta e ritorna di nuovo. Qual è la verità sullo stato dell’email marketing nell’e-commerce?

Qualche anno fa, Custora ha dichiarato che la posta elettronica rappresenta oltre il 7% di tutte le acquisizioni di utenti di e-commerce, rendendolo il secondo canale di acquisizione più efficace (dietro la ricerca). Hanno anche scoperto che il valore della vita dei clienti (CLV) degli utenti di posta elettronica è del 12% superiore alla media.

In effetti, il  33% dei consumatori afferma che la posta elettronica ha la maggiore influenza sulla spesa online. Non si può davvero negarlo: l’email marketing svolge ancora un ruolo vitale nella generazione di entrate e-commerce.

Email promozionali o transazionali

Esistono due tipi principali di email di cui dovresti preoccuparti nell’e-commerce: promozionale (marketing diretto) e transazionale. Uno funziona meglio dell’altro? Non necessariamente. Entrambi hanno vantaggi e svantaggi.

1. Email promozionali

Le e-mail promozionali sono le e-mail standard apertamente promozionali: sconti del 10%, €10 in regalo, offerte di prodotti a tempo limitato, spedizione gratuita per acquisti superiori a una certa soglia, ecc.

2. Email transazionali

Le e-mail transazionali si basano sul comportamento di visitatori. Sono e-mail che si attivano allo scoccare di una condizione: se l’utente effettua una determinata azione ne scaturisce un’altra di conseguenza. 

Ad esempio, se un visitatore aggiunge qualcosa a un carrello ma non lo acquista, riceverà un’email. Oppure, se un cliente non ha effettuato un acquisto da circa un mese, riceverà un’email.

Dopo aver analizzato milioni di e-mail, la piattaforma di automation e email-marketing Vero ha scoperto che le e-mail transazionali registrano alti tassi di apertura e di clic

Ecco come le email transazionali si sovrappongono a una tradizionale newsletter:

OR e CTR nelle Newsletter e nelle e-mail transazionali

OR e CTR nelle Newsletter e nelle e-mail transazionali

Personalizzazione e segmentazione nell’e-mail marketing e-commerce

Ciò che conta davvero, però, è che le e-mail siano personalizzate per le persone che le ricevono:

  • Non inviare a un uomo di 34 anni un’e-mail sulla tua vendita di gonne a meno che tu non sappia che li acquista regolarmente per una sorella o una moglie.
  • Non inviare a qualcuno che opta spesso per opzioni più convenienti un’e-mail sui prodotti di lusso.

Ecco quali potrebbero essere alcuni dei modi in cui segmentare gli invii:

➤ Prodotti acquistati in passato;

➤ Prodotti sfogliati in passato;

➤ Fascia di prezzo tipica;

➤ Categoria di prodotto tipica;

➤ Posizione geografica;

➤ Condizioni meteo;

➤ Fascia di età;

➤ Dimensione media dell’ordine;

➤ Dati dell’ultimo ordine;

➤ Contenuto del carrello;

➤ Fase del processo di acquisto.

Naturalmente, l’elenco potrebbe continuare all’infinito.  Segmentare il pubblico utilizzando i dati del mondo reale al fine di fornire un’email particolarmente personalizzata è di grande aiuto alle conversioni

Supponiamo che tu stia inviando un’email a qualcuno quando ha visualizzato un prodotto ma entro i due giorni successivi non lo ha acquistato. Potresti effettivamente inserire in un’email una foto di quel prodotto e di tutti i suoi benefici: specifico ed estremamente interessante per l’utente. 

Aziende come Amazon e Airbnb, fanno davvero un ottimo lavoro in questo genere di cose!

Come migliorare il tasso di apertura delle e-mail e-commerce

Un risultato potrebbe esser quello di avere un’alta percentuale di clic ma poche entrate. Per far si che anche quest’ultime aumentino è necessario recapitare le email con successo rendendole abbastanza attraenti da esser aperte. Inoltre dimentichiamoci del fatto che esiste un giorno migliore della settimana per inviare le email

Da un’analisi di Vero ecco cosa ne è venuto fuori:

giorni migliori per inviare email

Esistono ancora i “giorni migliori” per inviare un’e-mail?

Allo stesso modo, non esiste un momento universalmente migliore o un migliore periodo dell’anno.. Tutto dipende dal tuo pubblico. La soluzione è sperimentare con date, orari, temi diversi per scoprire cosa funziona di più per un determinato pubblico.

Conclusione

Dobbiamo iniziare ad allontanarci dalle e-mail batch-and-blast che finiscono nelle cartelle spam e seguire i dati generati dai comportamenti degli utenti. Questo consentirà di creare e-mail strategiche, personalizzate e sicuramente più efficaci.

Related Posts