Strategie per Massimizzare il ROAS delle Campagne Shopping

In questo articolo daremo uno sguardo alle strategie migliori per ottimizzare le campagne Google Ads del tuo e-commerce. In particolare, esamineremo le strategie adatte alle campagne shopping per ottenere il miglior ritorno sugli investimenti pubblicitari (ROAS).

Google Shopping Ads

Gli annunci Google Shopping sono probabilmente la soluzione migliore se hai prodotti di vendita Online nel mercato B2C.

Tutto ciò di cui hai bisogno è un feed di prodotti e un sito di e-commerce.

Gli annunci della rete di ricerca di Google sono forse i più noti dei prodotti pubblicitari a causa della loro longevità e sono gli annunci di testo che vengono visualizzati quando corrispondono alle parole chiave che hai specificato.

Gli annunci di ricerca sono diversi dagli annunci Shopping a causa del funzionamento della piattaforma. La ricerca di annunci ti dà un maggiore controllo sulle parole chiave e, a sua volta, mostra annunci di testo nei risultati di ricerca di Google.

Gli annunci Shopping, d’altra parte, si basano sul tuo feed prodotti, che richiede un’attenta ottimizzazione per indirizzare le ricerche giuste . Il feed prodotti contiene tutte le informazioni necessarie relative al tuo prodotto: marche, quantità, dimensioni, colori e così via.

In questo modo viene visualizzato un annuncio del prodotto Shopping all’interno della SERPS di Google, oltre alle informazioni relative ai prezzi e alla revisione.

Se sei un grande rivenditore online, probabilmente investirai la maggior parte della tua spesa pubblicitaria a pagamento su una combinazione di annunci Google Shopping e annunci di ricerca Google. La partecipazione a entrambe le piattaforme porta spesso a una migliore visibilità del prodotto nell’intero percorso dell’acquirente o del cliente, dalla ricerca all’acquisto.

Questo è fondamentale se si considera il modo in cui il percorso di ricerca e acquisto del cliente si estende su più dispositivi ed è costituito da molti micro-momenti , anche se si eseguono solo annunci della rete di ricerca per coprire le query con il marchio.

1)Fare offerte su Frasi di ricerche Specifiche per Massimizzare il ROAS.

Strutturando le campagne Shopping su tre livelli, è possibile fare offerte più mirate ai consumatori giusti. Occorre concentrarsi sulle query di ricerca che generano il ROAS più elevato. I livelli nello specifico devono essere così strutturati:

  • Rivedere il volume di ricerca storico per trovare i termini di ricerca che guidano le tue entrate con l’obiettivo di creare due gruppi: uno con i termini di ricerca ad alta conversione ed un altro con i termini di ricerca di conversione medio-basso.
  • Iniziare con 3 campagne shopping con diversi livelli di priorità: il primo livello avrà l’impostazione di priorità più alta, settato sia con i prodotti che con molte frasi di ricerca negative; nel secondo livello la priorità da impostare è media e i termini di ricerca devono essere medi; il terzo livello ha priorità bassa ed è qui che si trovano i migliori termini di ricerca per la conversione.
  • Crea e applica gli elenchi di parole chiave a corrispondenza inversa, in base alle query di ricerca che vuoi attivare negli altri livelli. 

 2) Identifica i best seller del tuo negozio per sapere dove concentrare il tuo budget

Controlla in modo approfondito la tua campagna pubblicitaria per identificare i best seller storici, quindi fare offerte più alte di conseguenza. Dai un’occhiata ai tuoi dati storici (se disponibili) e identifica i prodotti più venduti. 

Puoi anche utilizzare Google Analytics per visualizzare i prodotti più venduti e i relativi tassi di conversione eCommerce, oltre alle metriche ROAS / ROI pertinenti. 

3) Controlla regolarmente e ottimizza il tuo feed prodotto per prestazioni migliori.

Il tuo feed prodotto Google è essenziale per avere successo con gli annunci di Google Shopping.

L’auditing del tuo feed è una delle prime cose che occorre fare. Questa è una parte vitale della campagna in quanto è un ingranaggio fondamentale nell’algoritmo degli annunci Shopping, quindi merita molta attenzione. È necessario assicurarsi che il feed contenga tutte le informazioni sul prodotto richieste. 

In caso contrario, si rischia a) di non presentarsi quando le persone cercano i tuoi prodotti e b) di vedersi addebitato un CPC più elevato per mostrare i tuoi annunci.

È inoltre fondamentale mantenere pertinenti i titoli dei prodotti senza imbottitura di parole chiave. Questo non solo aiuta a migliorare la visibilità per quelle ricerche ad alto contenuto, ma aiuta anche a migliorare il CTR degli annunci.

4) Strategia di ottimizzazione per mobile

Gli acquirenti di dispositivi mobili si comportano in modo diverso rispetto agli acquirenti desktop: non ci sono sorprese. Le query effettive che vengono convertite sui dispositivi mobili non sono necessariamente le stesse utilizzate dal desktop.

Ma molti team di eCommerce non hanno un approccio specifico quando si tratta di utenti di dispositivi mobili, a parte la riduzione delle offerte per dispositivi mobili, il che può essere un approccio dispendioso.

Ripetiamo l’analisi delle query di ricerca menzionata nella strategia n.1 per segmentare i clienti che ricercano da mobile in modo da poter determinare un ROAS storico solo per dispositivi mobili. 

Se troviamo una lacuna qui, abbiamo impostato i nostri livelli con le parole chiave a corrispondenza inversa appropriate per gli utenti mobili. Alla fine, potremmo avere 6 livelli di configurazione per un cliente; 3 per desktop e 3 per dispositivi mobili.

È un approccio olistico e strategico all’ottimizzazione per il dispositivo del cliente in quel momento e per l’intero percorso del cliente.

5) La stagionalità è spesso un’opportunità non sfruttata

Se il nostro cliente si trova in un settore molto stagionale, è fondamentale tenere a mente il periodo dell’anno e fare offerte su prodotti / gruppi di prodotti di conseguenza. 

Ad esempio, dovresti fare un’offerta più alta su infradito in estate e scarponi da neve in inverno, ma i livelli rimarranno gli stessi.

Offrendo di più sui migliori prodotti di conversione in estate, puoi massimizzare il ROAS durante questi mesi di punta quando c’è una maggiore domanda di ricerca. 

E durante quei periodi più tranquilli in inverno, ridurremo le offerte ma ci assicuriamo di avere ancora una buona presenza, quindi spesso ci ritroviamo a fare offerte diverse a seconda del periodo dell’anno.

6) Lascia fare a Google l’ottimizzazione, sempre con la tua supervisione

Le campagne Shopping intelligenti utilizzano un mix del tuo feed prodotto e l’apprendimento automatico di Google per occuparsi delle campagne per tuo conto.

Questo può essere utile per prodotti minori, forse quelli a basso prezzo, che possono essere lasciati a Google. 

Google ottimizzerà quindi per il miglior adattamento in base alla cronologia delle transazioni: ma non sempre significa che Google farà il miglior lavoro possibile, quindi occorre monitorare la sua attività.

7) Utilizzo del retargeting dinamico per potenziare il ROAS.

Per quanto possano essere fastidiosi, gli annunci di retargeting convertono estremamente bene. Nel corso del tempo hanno dimostrato di portare a un ottimo ROI, quindi funzionano davvero bene per integrare la tua strategia di marketing di ricerca.

La funzione di retargeting dinamico di Google Shopping ti consente di mostrare automaticamente gli annunci alle persone che arrivano sul tuo sito senza completare un acquisto. 

Utilizza il tuo feed di prodotti per determinare i prodotti che i clienti visualizzano e li può raggruppare in modo intelligente in base a ciò che è probabile che converta meglio.

L’utilizzo del remarketing dinamico è una strategia abbastanza semplice per migliorare le prestazioni di eCommerce: è un must per qualsiasi rivenditore online.

Qual è la strategia più adatta al tuo ecommerce?

A conclusione di questo articolo, è importante considerare che ogni strategia è più adatta ad un tipo di e-commerce piuttosto che altri. Affidati a Noi, troveremo il modo giusto di valorizzare il tuo e-commerce!

Related Posts