Facebook ads: cosa sta cambiando?

Le ultime novità dal mondo digitale, in materia di social advertising, riguardano FACEBOOK ADS.

Dati alla mano gli utenti attivi ogni giorno sono 1.4 milioni. Facebook non è più un semplice social network, ma una vera e propria piattaforma pubblicitaria grazie alla quale oggi puoi raggiungere i tuoi potenziali clienti.

Abbiamo chiesto ad Elisabetta G., nostra Web Analyst, di aiutarci a capire quali opportunità riserva Facebook agli inserzionisti e di aggiornarci sulle ultime novità di Facebook  Ads.

perchè consiglieresti di fare una campagna su facebook?

“Perchè Facebook, più di molti altri strumenti, permette di fare “advertising chirurgico” – “tailored advertising”. È possibile, infatti, veicolare un messaggio diverso ad ogni target per il proprio prodotto o servizio da pubblicizzare: raggiungere il pubblico giusto, al momento giusto con il giusto messaggio”

1. Nuova copertura potenziale

Finora, una volta definito il pubblico, il budget e i posizionamenti della campagna, Facebook ci forniva la copertura potenziale, cioè il numero di persone potenzialmente raggiungibili, in base agli utenti attivi mensilmente. A breve la copertura potenziale comprenderà solo le persone attive negli ultimi 30 giorni che hanno visualizzato un annuncio o più. Questo ci permetterà di valutare con maggiore precisione il bacino di utenti davvero potenzialmente raggiungibili e di fare previsioni molto più verosimili.

2.Addio al punteggio di pertinenza

Quando pubblichiamo una campagna, Facebook restituisce una sua valutazione dell’annuncio, nota come punteggio di pertinenza (Rilevance Score) che ci dà un’indicazione circa “il potenziale” dell’inserzione in termini di coerenza con il pubblico raggiunto e interesse ricevuto.
Dallo scorso 30 aprile non è più così. Superate le 500 visualizzazioni per annuncio, il sistema ci mostra non una ma ben 3 metriche che ci consentono di ottimizzare al meglio le campagne.

Il Quality ranking è la qualità percepita dell’inserzione rispetto agli annunci in competizione per lo stesso pubblico.

L’Engagement rate ranking è il tasso di interazione previsto per l’inserzione rispetto agli annunci in competizione per lo stesso pubblico. Un tasso di interazione basso sarà sintomatico di scarso interesse da parte del pubblico e metterà in luce la necessità di ridefinire il target a cui è indirizzata la campagna, verso un pubblico più sensibile ai temi trattati.

Il Conversion rate ranking è il tasso di conversione previsto per l’inserzione rispetto agli annunci con lo stesso obiettivo di ottimizzazione e che sono in competizione per lo stesso pubblico.  

3.Facebook Report: addio metriche ridondanti

Facebook rimuove dai suoi report alcune metriche ridondanti e ormai superate: il roas derivato dagli acquisti su mobile e il roas derivato dagli acquisti sul web saranno sostituiti da un roas unico derivato dagli acquisti e che favorisce la visione omnicanale dall’impresa. Offerte salvate, costo per offerte salvate e risposte ai messaggi saranno eliminate; mentre il costo per risposta ai messaggi sarà sostituito da nuove connessioni su messenger e conversazioni iniziate su messenger.

Grazie agli ultimi aggiornamenti Facebook dà la possibilità di prendere decisioni mirate all’ottimizzazione delle performance in tempi rapidi. Nelle giuste mani, queste metriche possono  condurre al raggiungimento di grandi risultati.

L’aggiornamento continuo del nostro team, la partecipazione live ad eventi Facebook e la consulenza personalizzata che il team Facebook di Dublino ha messo a disposizione della nostra agenzia, fanno di WiB il partner giusto per raggiungere i tuoi obiettivi di crescita.

Related Posts